Archivio tag: artista sicilia

Planet in the recovery room

uso e riuso della materia arte involontaria

uso e riuso della materia arte involontaria

Compromessi sottraggono futuro, mediocrità annienta il presente, arrivismo seppellisce memoria. Quale salvaguardia del pianeta, solo vanità e interessi. Quanto questa storia mi addolora, per quanto ancora dobbiamo rendere la vita invivibile? Un mondo alla deriva, non pensavo ci fosse questo livello di regressione. L’uomo cade a pezzi e il mediocre vuole infrastrutture. Bellezza risiede nell’invisibile forma, spirito comunica nella creazione. Rispetto materia, riconoscenza vibrazione. Catania, Ospedale Santa Marta

pianeta in sala rianimazione stop demolizioni

pianeta in sala rianimazione stop demolizioni

essence of the stars

Per rendere felice la luce, ho invitato il colore a danzare con la forma, il tempo si è incantato nella memoria, e la poesia ha incontrato lo spazio. (Tetti, 12/84 cm.)

abstract claudio arezzo di trifiletti

È la testa a reggere il corpo. Pronuncio desiderio di rinascita, sentimenti donati mi appartengono. Non desidero esistere in quanto persona, ma attraverso il suggerimento per un futuro comune, trovare l’io che risiede in ognuno di noi. Desiderio, essenza delle stelle. (Terra, 188/14 cm.)

abstract art sicily

Twenty-first December

Il tavolo era poco più grande, dentro c’era un universo. Bisogno di accettazione, sole buono luna protegge. Mi è sempre piaciuto mettere ordine sia dentro che fuori, poi ognuno resta con le proprie angolazioni. Ventuno Dicembre, Memoria della prima casa Cristiana, umile dimora del Salvatore, una candela verde porta il sigillo del buon proposito, possa illuminarci tutti nella consapevolezza del Pianeta. Vivere di piccoli miracoli diventa priorità. Diversamente compatibile, tutto è in continua mutazione, scacchiere fatte da un peso trasmettono l’orientamento dell’essere. Verde Natale famiglia protegge, l’amicizia è uno sguardo di riconoscenza. Non chiederei mai quello che chiedo per gli altri. Quando nacque Gesù non era tutto rose e fiori, fiumi si tinsero di rosso, e le bestie capirono cosa affliggeva l’umanità.