Archivio della categoria: CALLS FOR RESPECT FOR THE PLANET

L’uomo deve tornare a nutrirsi di consapevolezza

Homero Gòmez González, signore delle farfalle venne assassinato, uno dei tanti guardiani che sono scomparsi nell’indifferenza. O ci si sveglia o tutto diverrà vano. Sant’Agata libererà il suo popolo, il Pianeta non ha bisogno di ponti, metropolitane, autostrade, oggi ha bisogno amore, rispetto. L’uomo deve tornare a nutrirsi di consapevolezza. Inutile tutto se partendo dai beni di prima necessità come l’acqua, l’ossigeno siano boicottati per interessi economici. Niente è un caso. La nostra città è stata risparmiata dalle fiamme, mentre c’è chi ancora festeggia con fuochi d’artificio, minuscoli esseri, insignificanti forse per qualcuno volavano carbonizzati privi di vita. Questo mondo non mi appartiene, questo pensare è distruggere, non essere degno del dono. Nelle scritture si evince che presto ci sarà il giorno del giudizio, tutto sembra seguire un disegno, desidero disubbidire all’uomo che tale non è. Redditi di cittadinanza per distruggere la realizzazione, il fallimento della risorsa umana. Tutti siamo chiamati a divenire guardiani, proporre il nuovo è compito contemporaneo. Rimboschimento, basta cemento, asfalto, basta sfruttamento delle risorse, bisogna nell’immediato dare un riutilizzo al rifiuto. Sembrano invisibili le navi che partono a intossicare lontano da noi cariche della nostra leggerezza, montagne scompaiono per fare spazio a discariche. L’obbiettivo di rendere il presente fatto di alcolisti è sotto gli occhi di tutti. Il mondo sta andando a fuoco, le vallette, i personaggi precostruiti appartengono al teatro del delirio. Dobbiamo riconoscerci il più presto possibile.

presidente mia playa catania

Non mi documento, ho sempre visto aldilà dell’ombrello.

Casa Francofonte

Credo fortemente agli incontri nella vita, al passato che lascia posto al presente per costruire un futuro diverso… credo nelle alchimie delle anime e nei percorsi che queste fanno fuori dalle logiche umane. Sono rare perché si nutrono di libertà e rispetto, fuggono le regole preimpostate e si dichiarano complici in un tempo e in uno spazio che si dilatano oltre i confini che conosciamo. Non esistono regole da seguire, solo dare ascolto ai cuori perché così facendo imparando a sentire con l’anima, lo spirito e i nostri sensi, riusciremo a realizzare ciò che ognuno di noi dovrà essere… Aspettando e accettando quello che il destino ha scritto nella storia di ognuno noi. (Cristina Cocuzza)

Cristina Cocuzza