Archivio tag: cerchi d’oro

L’impercettibile diventa ingresso

1mqdb imprints of peace trovare una soluzione il giardino dentro il giardino villa bellini catania visionaria fantasia contemporanea

Senza parole che non contengano profonda gratitudine.

Senza parole che non contengano profonda gratitudine. Il pensiero vegetale è rivolto alla vita, devozione alla bellezza, tutto prende forma attraverso le radici. Aromi, odori, la compostezza di un albero col suo dono. (Il Giardino dentro il giardino) – Circolarità del suono, nutrimento del canto. Stesicoro Perplesso (Villa Bellini)

1mqdb il giardino dentro il giardino villa bellini riscatta piana

circolarità del suono, nutrimento del canto mezzanine living home contemporary artist in sicily

villa bellini 1mqdb trovare la soluzione il giardino dentro il giardino catania visionaria

1mqdb radici intercedono il giardino dentro il giardino catania visionaria villa bellini

stesicoro viale uomini illustri il giardino dentro il giardino catania visionaria villa bellini

tutto ciò che l'occhio scruta ma non osserva 1mqdb rispetto pianeta sensibilità dell'essere verde urbano

Presente custodisce passato, vita protegge storia, natura vibra e racconta. Geometria della semina, campo di gioco, armonia dell’universo. Trasmutazione della forma. Occhio scruta ma non osserva. Trifoglio, fertilità della Terra. Venere, Piazza Giovanni Verga – Acqua Bene Comune. Candela trovata porta il flusso delle onde, ciottoli tornano respirare dimensione propria, foglie del tè diventano oceano. La complessità dell’esistenza (Il Parco Ritrovato)

cerchi d oro 1mqdb piazza giovanni verga il parco ritrovato catania visionaria

carmelo mendola fontana malavoglia piazza giovanni verga venere catania visionaria

candela trovata porta il flusso delle onde, ciotoli tornano respirare dimensione propria, foglie del tè diventano oceano

uscita catania visionaria nuova rinascita 1mqdb archi della marina

bar dei miracoli catania visionaria

Archi della Marina. Se lo trovo aperto, trovo casa / Bar dei Miracoli (La leggenda delle piccole cose) Pozzo di Gammazita – Principessa Mia / Oasi Playa

Principessa Mia Oasi Playa Rispetto Pianeta Nuova Era Sicilia Riscatta Piana Simeto 1mqdb

the imaginary park

Non mi dite che non ci siano responsabilità terrene che non conoscano il futuro!

respect planet imprints sicily

Lontano dai fuochi d’artificio, Oasi del Simeto. Catania – Credo che innaffiare gli alberi in città sia un passo avanti. Autobotti comunali, anche i vigili del fuoco potrebbero la notte contribuire alla salvaguardia. Le due fontane di Piazza Giovanni Verga, due sculture di marmo, le vasche erano sprovviste di acqua, pensavo ninfee e carpe, edera dentro il Parco Immaginario, Visione che tutto salva.respect planet cerchi d'oro casa museo sotto l'etna

Centrali del Latte. Emergenza Rifiuti non viene presa in considerazione. Riutilizzo, contribuisce non solo ecologicamente. Siamo piombati in un mondo di aperitivi e aria sempre più malsana, l’armonia risiede nel verde, nella terra e in tutti gli elementi.

The Royalty of Mother Earth

“CERCHI D’ORO AMO/RE AMOTE” LA PERFORMANCE D’ARTE E MODA PER UNA RINASCITA SPIRITUALE COLLETTIVA

Piccoli Prodigi - Platani Villa Bellini mozzati in serie Vivono di Speranza. Il Giardino dentro il giardino

Piccoli Prodigi – Platani Villa Bellini mozzati in serie Vivono di Speranza. Il Giardino dentro il giardino

CATANIA – “La moda a servizio della natura”. Questo il liet motif del concept event “Cerchi d’oro Amo/Re AmoTe” che Giovedì 17 Settembre, alle ore 19.00, vedrà sfilare l’esercito della bellezza di oltre 69 modelle, con capi realizzati per l’occasione dai talentuosi stilisti della Maison Du Cochon e della cattedra di Storia del Costume per lo Spettacolo dell’Accademia di Belle Arti di Catania, capitanato da Liliana Nigro, da Palazzo Grimaldi nel cuore di piazza Giovanni Verga percorrere tutta la piazza per una catarsi spirituale che vedrà tra l’indifferenza della quotidianità abbracciare gli alberi e quel che resta della natura tra smog e frenesia di un mondo votato al lavoro e alla solitudine sociale. “Un evento pensato e creato in tandem da Liliana Nigro e Claudio Arezzo di Trifiletti- dichiarano gli organizzatori del primo evento siciliano dedicato alla moda e alla natura nel caos cittadino metropolitano- dove un simbolico e virtuale abbraccio come un cerchio d’oro sarà il segno di un binomio indissolubile che affonda le radici nell’amore e fa risuonare nel vento la voce della natura che chiama ed urla la nostra presenza per la costruzione di un domani a misura d’uomo”. Ritornano di nuovo protagonisti tutti gli alberi, già simbolo di una precedente performance artistica realizzata da Claudio Arezzo di Trifiletti, dipinti con dei cerchi d’oro come inno alla vita. Backstage dell’evento l’esclusivo giardino di Palazzo Grimaldi offerto da Enrico Grimaldi di Serravalle.

Elisa Guccione (SICILIANPEOPLE)

Green Christmas

Davanti a me alberi Eretti immobili Diventan mobili Soddisfan nobili – Davanti a me foglie Che nutrono le voglie Di chi respira in grande E poi sarà più forte – E’ un bambino che cade La folla gli applaude E lui si sente più forte Lui non teme la morte – E’ un mercato che applaude A un bambino che cade Ti riporta al presente Ti fa amare la gente – Questo albero d’oro è divino per me Questo cielo che mamma mi dice: “Cos’è?” Questo sole che entra nelle magie del viso – Questa terra mi dice che qualcuno ha deciso Che non siamo all’altezza dei doni che abbiamo – E camminiamo da soli anche se stiamo per mano Che aspettiamo qualcuno che ci dorme vicino, ma sul divano – E che sto mondo è lo specchio di come ci comportiamo E tutti vorremmo cambiarlo ma poi non ci riusciamo – E guarda ogni cerchio d’oro Non è messo lì solo per decoro Ma è messo lì per ricordare Che non puoi vivere senza amar – Questo albero d’oro è divino per me Questo cielo che mamma mi dice: “Cos’è?” Questo sole che entra nelle rughe del viso – Questa terra mi dice che qualcuno ha deciso Che non siamo all’altezza dei doni che abbiamo E camminiamo da soli anche quando stiamo per mano – Che sto mondo è lo specchio di come ci comportiamo E tutti vorremmo cambiarlo ma non ci riusciamo.